Commento alla Liturgia

VI Domenica di Pasqua

Prima lettura

At 8,5-8.14-17

5Filippo, sceso in una città della Samaria, predicava loro il Cristo. 6E le folle, unanimi, prestavano attenzione alle parole di Filippo, sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva. 7Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti. 8E vi fu grande gioia in quella città. 14Frattanto gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che la Samaria aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. 15Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; 16non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù. 17Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.

Seconda Lettura

1Pt 3,15-18

15ma adorate il Signore , Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi. 16Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza, perché, nel momento stesso in cui si parla male di voi, rimangano svergognati quelli che malignano sulla vostra buona condotta in Cristo. 17Se questa infatti è la volontà di Dio, è meglio soffrire operando il bene che facendo il male, 18perché anche Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nel corpo, ma reso vivo nello spirito.

Vangelo

Gv 14,15-21

15Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; 16e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, 17lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi. 18Non vi lascerò orfani: verrò da voi. 19Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. 20In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi. 21Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui".

Commento alla Liturgia

La qualità del viaggio

Roberto Pasolini

Il tempo di Pasqua ha ricaricato le cartine geografiche sul navigatore del nostro cuore così spesso smarrito, continuamente bisognoso di ritrovare il senso e la direzione del viaggio. Per essere felici non bastano regole, bisogna percorrere la via di Cristo, assumendo il suo vangelo come il varco che introduce nella libertà dei figli. In questa domenica le parole del Signore Gesù indicano l’amore come unica condizione per ogni autentica rinascita, preparandoci a desiderare e ad attendere il dono dello Spirito, quel vento discreto e potente capace di riaprire ogni strada e di rilanciare ogni cammino:

«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti» (Gv 14,15).

Quando ascoltiamo una frase ipotetica, siamo frequentemente tentati di sospendere subito l’attenzione e la disponibilità dell’ascolto, perché possiamo trovarci facilmente di fronte a una pretesa o a un ricatto. Parlando in questi termini, il Signore Gesù non intende affatto aumentare l’elenco dei doveri, ma vuole esprimere un’ipotetica dell’eventualità: ogni obbedienza è autentica e possibile se sgorga da una relazione di amore e di gratitudine. È un tema che sta molto a cuore anche al vescovo di Roma, nell’esercizio del suo magistero ordinario:

«La vita cristiana è anzitutto la risposta grata a un Padre generoso. I cristiani che seguono solo dei “doveri” denunciano di non avere una esperienza personale di quel Dio che è “nostro” […] La formazione cristiana non è basata sulla forza di volontà, ma sull’accoglienza della salvezza, sul lasciarsi amare» (papa Francesco, udienza generale, mercoledì 27 giugno 2018).

La vita cristiana non inizia e non riparte mai come un dovere, perché non può che essere lo sviluppo di una «grande gioia» (At 8,8) che si dilata spontaneamente e contagia chi la incontra. Il Signore Gesù non ha posto casualmente l’amore verso di lui come garanzia per una vita evangelica, ma lo ha fatto riconoscendo nei suoi discepoli una certa abitudine a concepirsi ancora «orfani» (Gv 14,18) di fronte al volto e al mistero del Padre.

Vivere l’esperienza di una paternità – naturale o spirituale – significa maturare quella consapevolezza di essere amati che è capace di custodire ogni umano tragitto: la vita si riceve da mani altrui, non si conquista e non si merita perché è dono. Per questo il Signore Gesù ci «comanda» di partire sempre e soltanto dall’amore, assicurandoci che, così facendo, nel viaggio della vita non ci troveremo mai in una completa solitudine:

«E io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre» (Gv 14,16).

È la stessa esperienza vissuta da quelle folle samaritane che si sono aperte all’ascolto e all’accoglienza della predicazione di Filippo. A questi uomini e donne toccati dall’annuncio pasquale vengono inviati Pietro e Giovanni:

«Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù» (At 8,15-16).

Il Consolatore è l’invisibile presenza di Dio che restituisce «verità» (14,17) alla vita del mondo, perché interviene in difesa di ogni autentico tentativo di mettere l’amore al centro, si pone a sostegno di ogni cuore disposto a riaprire la sfida di rapporti autentici. Questa è l’unica strada che nulla — nemmeno il peccato — può impedirci di ritrovare e percorrere.

A pochi passi dalla Pentecoste, la Parola ci esorta a riconsiderare ogni cosa a partire dal criterio e dalla logica dell’amore. Non quello che c’è stato e ora non c’è più, non quello che ci potrebbe o ci poteva essere, ma quello che domani possiamo ricevere, dilatare e restituire: l’amore verso Dio e verso i fratelli. Da questa fiamma che consuma e illumina la nostra umanità nasceranno — con grande naturalezza — le obbedienze ai comandamenti, i sacrifici, la fedeltà, le cose grandi che ci sarà dato e chiesto di compiere. Mossi da questo impulso genuino e gratuito arriveremo certamente oltre e lontano da noi stessi. Dopo aver rinunciato a definire il punto di arrivo. Dopo aver assicurato ai nostri passi la qualità del viaggio.

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.