Commento alla Liturgia

XXVIII Domenica Tempo Ordinario

Prima lettura

Is 25,6-10a

6Preparerà il Signore degli eserciti per tutti i popoli, su questo monte, un banchetto di grasse vivande, un banchetto di vini eccellenti, di cibi succulenti, di vini raffinati. 7Egli strapperà su questo monte il velo che copriva la faccia di tutti i popoli e la coltre distesa su tutte le nazioni. 8Eliminerà la morte per sempre. Il Signore Dio asciugherà le lacrime su ogni volto, l'ignominia del suo popolo farà scomparire da tutta la terra, poiché il Signore ha parlato. 9E si dirà in quel giorno: "Ecco il nostro Dio; in lui abbiamo sperato perché ci salvasse. Questi è il Signore in cui abbiamo sperato; rallegriamoci, esultiamo per la sua salvezza, 10poiché la mano del Signore si poserà su questo monte". Moab invece sarà calpestato al suolo, come si pesta la paglia nel letamaio.

Seconda Lettura

Fil 4,12-14.19-20

12So vivere nella povertà come so vivere nell'abbondanza; sono allenato a tutto e per tutto, alla sazietà e alla fame, all'abbondanza e all'indigenza. 13Tutto posso in colui che mi dà la forza. 14Avete fatto bene tuttavia a prendere parte alle mie tribolazioni. 19Il mio Dio, a sua volta, colmerà ogni vostro bisogno secondo la sua ricchezza con magnificenza, in Cristo Gesù. 20Al Dio e Padre nostro sia gloria nei secoli dei secoli. Amen.

Vangelo

Mt 22,1-14

1Gesù riprese a parlare loro con parabole e disse: 2"Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. 3Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. 4Mandò di nuovo altri servi con quest'ordine: "Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!". 5Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; 6altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. 7Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. 8Poi disse ai suoi servi: "La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; 9andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze". 10Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali. 11Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l'abito nuziale. 12Gli disse: "Amico, come mai sei entrato qui senza l'abito nuziale?". Quello ammutolì. 13Allora il re ordinò ai servi: "Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti". 14Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti".

Commento alla Liturgia

Cambiare

MichaelDavide Semeraro

Alla fine, sembra proprio che si possa entrare alla festa di nozze senza invito, con una libertà imprevista che è frutto certo della liberalità del re che organizza la festa nuziale per suo figlio, ma pure è la conseguenza del rifiuto di presenziare all’evento da parte di quanti hanno – così sembra – di meglio da fare. Vi è qualcosa che accomuna gli invitati che preferiscono i loro affari e quell’invitato colto in flagrante incoscienza. In ambedue i casi, anche se in modi diversi, non ci si è lasciati realmente scomodare dall’invito ad essere partecipi di una gioia la cui qualità è direttamente proporzionale alla capacità di lasciarsi appunto scomodare, disturbare… in una parola cambiare. Fa parte del nostro linguaggio quotidiano: "mi vado a cambiare". È un modo per dire tutta la nostra attenzione ad essere capaci di attenzione alle persone che dobbiamo incontrare o, ancora più banalmente ma non meno preziosamente, alle cose che dobbiamo fare in un certo momento, in una data situazione che esige una sorta di obbedienza alla realtà piena di finezza. Ogni volta che sentiamo il bisogno e il dovere di "doverci cambiare" riveliamo la nostra capacità di lasciarci disturbare e cambiare profondamente da ciò che ci circonda e ci interpella.

Bisogna essere pronti a pagare di persona come il figlio del re per le cui nozze tutti siamo chiamati non solo a rallegrarci ma in cui siamo chiamati a coinvolgerci. È Dio che ci invita e prepara il banchetto, ma ciò esige il nostro “accordo”.

È come se qualcuno si presentasse ad una festa di matrimonio in pantaloncini corti e bandana, oppure in abito da lavoro e un paio di ciabatte: tutti sarebbero un po’ imbarazzati e difficilmente si accetterebbe la giustificazione secondo cui basta l’intenzione e che non bisogna formalizzarsi perché l’importante è il cuore e il desiderio di festeggiare e rallegrarsi con gli sposi. In realtà, non basta l’intenzione di essere presenti ad una «festa di nozze» (Mt 22,2); è necessario entrare nella dinamica della festa, che è il risultato dell’apporto generoso e coinvolto di ciascuno. Un’altra parabola viene raccontata dal Signore Gesù e si rivolge ancora una volta in modo diretto ai capi dei sacerdoti e ai farisei.

In realtà le parabole sono due! una riguarda coloro che, invitati per primi, «non se ne curarono» (22,5) affatto e non solo disertarono l’invito, ma maltrattarono fino ad uccidere coloro che erano latori di una parola assolutamente innocua e priva di ogni minaccia: «Venite alle nozze!» (22,4). L’altra invece riguarda uno dei tanti cui è stato rivolto l’invito e si è precipitato nella stanza nuziale, forse si è lanciato famelico sul banchetto senza indossare «l’abito nuziale» (Mt 22,11). Nell’uno e nell’altro caso la conseguenza è assai forte! Nel primo caso il re «mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città» (22,7). Nel secondo caso il re ordinò «Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre, là sarà pianto e stridore di denti» (22,13). La conclusione della parabola vale per ambedue le mini-parabole:

«Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti» (22,14).

Non si tratta certo di distinguere i buoni dai cattivi, visto che al cuore della parabola si trova una parola che non bada a catalogare gli invitati: «tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze» e si aggiunge che i servi obbedienti al loro padrone e agendo secondo le sue intenzioni: «radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali» (22,9-10).

L’aspetto su cui il Signore Gesù vuole attirare l’attenzione è che non è la nostra dignità a farci oggetto della chiamata di Dio, ma è la chiamata di Dio a darci una dignità nuova che permette alla nostra vita di assumere una piena dignità. Ecco perché, sia nel caso dell’invito mancato che nel caso della tenuta inadeguata, si rivela una incapacità a cogliere la portata del dono che ci viene fatto non accettando così di cogliere l’invito alle nozze, che è sempre un invito a uscire da se stessi per aprirsi a qualcosa di nuovo che eccede dai nostri programmi, dalle nostre aspettative, dalle nostre abitudini e persino dalle nostre economie. Ce lo ricorda il profeta Isaia quando dice «poiché la mano del Signore si poserà su questo monte» (Is 25,10). Si tratta del monte della nostra vita in tensione, davanti a cui e per cui il Signore continua ogni giorno a preparare una «mensa sotto gli occhi! (Sal 22,5) dei nemici della nostra gioia. Potremmo fare nostre le parole dell’apostolo:

«so vivere nella povertà come so vivere nell’abbondanza; sono allenato a tutto e per tutto, alla sazietà e alla fame, all’abbondanza e all’indigenza. Tutto posso in colui che mi dà forza» (Fil 4,12-13).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.