Commento alla Liturgia

Giovedì della IV settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

Eb 12,18-19.21-24

18Voi infatti non vi siete avvicinati a qualcosa di tangibile né a un fuoco ardente né a oscurità, tenebra e tempesta, 19né a squillo di tromba e a suono di parole, mentre quelli che lo udivano scongiuravano Dio di non rivolgere più a loro la parola. 21Lo spettacolo, in realtà, era così terrificante che Mosè disse: Ho paura e tremo. 22Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all'adunanza festosa 23e all'assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, 24a Gesù, mediatore dell'alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele.

Vangelo

Mc 6,7-13

7Chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. 8E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient'altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; 9ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. 10E diceva loro: "Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. 11Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro". 12Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, 13scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Commento alla Liturgia

Avvicinarsi

Roberto Pasolini

Le istruzioni con cui Gesù manda i discepoli ad annunciare il regno di Dio non cessano di provocare i discepoli di ogni tempo a una profonda e liberante conversione. Anziché preoccuparsi di specificare cosa dire, il Maestro sembra maggiormente attento a indicare come farlo. Perché l’annuncio del Regno è questione di forma, più che di sostanza; problema di testimonianza, più che di marketing. Il vangelo è un modo di vivere che, nella sua mite eloquenza, dovrebbe emanare luce, forza, guarigione.

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri (Mc 6,7).

A due a due, non da soli. Da questa condivisione si sprigiona una specie di autorità sugli spiriti impuri, cioè quei pensieri cattivi che gettano nel cuore umano il sospetto di essere condannati a tristezza e solitudine. Contro questa tenebra non esiste altro antidoto che l’evidenza di una comunione possibile, la testimonianza di passi compiuti insieme. Vi è un modo di porgersi agli altri che permette alla grazia di Dio di espandersi a macchia d’olio, diventando come un unguento che sana e lenisce. È la testimonianza della fraternità, che in molti modi ci è dato di vivere ogni giorno.

E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche (Mc 6,8-9).

Per annunciare il vangelo occorre vivere con una certa essenzialità, che sia la manifestazione di una genuina libertà interiore. Altrimenti corriamo il rischio di fare molte cose e donarne altrettante, ma sempre risparmiando noi stessi e permettendo agli altri di restare quasi intimoriti di fronte all’arsenale della nostra bontà e del nostro zelo. Andare in povertà è l’unica garanzia di una libertà autentica. Persino quella da esiti e aspettative.

«Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro» (Mc 6,11).

Non dobbiamo arrabbiarci se in famiglia, al lavoro, in parrocchia, le cose non procedono come vorremmo. Dobbiamo solo scuotere la povere dai piedi, per far capire all’altro che bella occasione si è perso — a non incontrarci — e poi riprendere il viaggio. A nulla serve fare gli offesi oppure tuonare sentenze. Meglio riprendere il cammino, amare e sorridere. In pace, a due a due. Questa è la migliore pubblicità alla benevolenza di Dio, in grado di cancellare dalla storia il timore nei suoi confronti e di annunciare che esiste un amore più assordante di qualsiasi paura rimanga nei nostri cuori. Un amore talmente bello da poter essere avvicinato.

Voi invece vi siete accostati al monte Sion, alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a migliaia di angeli, all’adunanza festosa e all’assemblea dei primogeniti i cui nomi sono scritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti resi perfetti, a Gesù, mediatore dell’alleanza nuova, e al sangue purificatore, che è più eloquente di quello di Abele (Eb 12,22-24).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.