Commento alla Liturgia

Giovedì della III settimana di Quaresima

Prima lettura

Ger 7,23-28

23ma ordinai loro: "Ascoltate la mia voce, e io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo; camminate sempre sulla strada che vi prescriverò, perché siate felici". 24Ma essi non ascoltarono né prestarono orecchio alla mia parola; anzi, procedettero ostinatamente secondo il loro cuore malvagio e, invece di rivolgersi verso di me, mi hanno voltato le spalle. 25Da quando i vostri padri sono usciti dall'Egitto fino ad oggi, io vi ho inviato con assidua premura tutti i miei servi, i profeti; 26ma non mi hanno ascoltato né prestato orecchio, anzi hanno reso dura la loro cervìce, divenendo peggiori dei loro padri. 27Dirai loro tutte queste cose, ma non ti ascolteranno; li chiamerai, ma non ti risponderanno. 28Allora dirai loro: Questa è la nazione che non ascolta la voce del Signore, suo Dio, né accetta la correzione. La fedeltà è sparita, è stata bandita dalla loro bocca.

Vangelo

Lc 11,14-23

14Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. 15Ma alcuni dissero: "È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni". 16Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. 17Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: "Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. 18Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. 19Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. 20Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio. 21Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. 22Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. 23Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.

Commento alla Liturgia

Voltare le spalle

Roberto Pasolini

Il Signore Dio, lungo tutto quel tempo che chiamiamo storia della salvezza, non ha mai esitato a inviare con fedeltà i suoi «servi, i profeti» (Ger 7,25) per aiutare Israele a non smarrire il dono e la responsabilità dell’alleanza. Nella prima lettura ascoltiamo la parola con cui Geremia viene scelto dal Signore per aiutarlo a ricordare al popolo di Israele la sua coscienza di essere un popolo scelto e chiamato a una pienezza di vita:

«Ascoltate la mia voce, e io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo; camminate sempre sulla strada che vi prescriverò, perché siate felici» (Ger 7,23).

La missione affidata a Geremia non consiste soltanto nel ravvivare il ricordo della Legge di Dio, ma anche nel porgere a Israele uno specchio in cui poter riconoscere il mistero della propria infedeltà e durezza di cuore:

«Ma essi non ascoltarono né prestarono orecchio alla mia parola; anzi procedettero ostinatamente secondo il loro cuore malvagio e, invece di rivolgersi verso di me, mi hanno voltato le spalle» (Ger 7,24).

Talvolta bisogna dare alle cose il loro nome, senza esitazioni e, soprattutto, senza farsi troppo condizionare dalla paura che l’altro possa offendersi o andarsene. L’amore può — e talvolta deve — sapersi esprimere (anche) con parole asciutte e nette, indispensabili per aiutare colui con cui siamo in una relazione di amore libero a maturare la consapevolezza di essere lontano o fuori dalla necessaria fedeltà di ascolto e di attenzione all’altro. Il coraggio di affrontare queste zone d’ombra è necessario anche quando possiamo già immaginare che non sarà certo una parola a poter risolvere e modificare la libertà di chi ha deciso di indurire il proprio cuore e di voltare le spalle altrove:

«Dirai loro tutte queste cose, ma non ti ascolteranno; li chiamerai, ma non ti risponderanno» (Ger 7,27).

Anche nel Vangelo troviamo una reazione di ostinata chiusura di fronte al miracolo compiuto dal Signore Gesù nei confronti di un uomo da tempo ammutolito da un demonio. Non appena la bocca di quest’uomo si riapre, finalmente, alla parola e alla relazione, alcuni dei presenti trovano il modo di voltare immediatamente le spalle e — soprattutto — il cuore all’evidente parola di Dio appena risuonata:

«Ma alcuni dissero: “È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni”. Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo» (Lc 11,15-16).

La liturgia oggi ci pone davanti a un incontro ravvicinato con il fondamentale problema a cui la nostra fede ci espone: non saper ascoltare e accogliere l’alterità di Dio. Sembra impossibile che anche noi, nativi e cittadini di un tempo tutto incentrato sulla comunicazione, abituati quotidianamente a emettere e a ricevere grandi quantità di informazioni tramite computer, smartphone, social network, possiamo essere realmente afflitti da un problema di ascolto. Eppure, come le analisi degli esperti ci segnalano, è proprio in un tempo di grandi opportunità di relazione, come il nostro, che si registra un livello molto superficiale di interazione con l’altro e con le sue differenze. Per questo, nonostante le tante parole e immagini tra cui navighiamo ogni giorno, ci ritroviamo nelle circostanze personali e importanti della vita senza essere capaci di dire le cose utili e necessarie a costruire il rapporto con l’altro.

«In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare» (Lc 11,14).

Il Signore Gesù, tuttavia, non volta mai le spalle a noi, né alle nostre più ostinate chiusure. Ci raggiunge e ci incontra sempre là dove siamo, immersi e ricondotti nella nostra debolezza, ma dove ci sono ancora — intatte e velate — tutte le nostre migliori risorse. Anche noi possiamo imparare a non voltare più le spalle né a lui né alla realtà, ma a restare nella fatica e nella gioia dell’ascolto. Il Vangelo non cambia, si approfondisce soltanto. Continua a dirci che il Regno, ormai, è proprio qui, davanti a noi:

«Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio allora è giunto a voi il regno di Dio» (Lc 11,20).

Cerca nei commenti

La lotta tra Dio e il male viene rappresentata da Gesù per mezzo dell'immagine di un uomo forte (Satana), che custodisce bene la sua dimora (in noi), e uno più forte (il Signore), che è in grado di vincere il nemico e di strappargli dalle mani il suo bottino (la nostra umanità). Ma in questo conflitto possiamo anche riconoscere la nostra difficoltà a rinunciare alle nostre forze per consegnarci liberamente e fiduciosamente alla maggior forza di Dio, che si è manifestata nel mistero della croce.

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.