Commento alla Liturgia

Pentecoste

Prima lettura

At 2,1-11

1Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. 2Venne all'improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. 3Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, 4e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi. 5Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. 6A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. 7Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: "Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? 8E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? 9Siamo Parti, Medi, Elamiti, abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell'Asia, 10della Frìgia e della Panfìlia, dell'Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, 11Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio".

Seconda Lettura

Gal 5,16-25

16Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. 17La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; queste cose si oppongono a vicenda, sicché voi non fate quello che vorreste. 18Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge. 19Del resto sono ben note le opere della carne: fornicazione, impurità, dissolutezza, 20idolatria, stregonerie, inimicizie, discordia, gelosia, dissensi, divisioni, fazioni, 21invidie, ubriachezze, orge e cose del genere. Riguardo a queste cose vi preavviso, come già ho detto: chi le compie non erediterà il regno di Dio. 22Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; 23contro queste cose non c'è Legge. 24Quelli che sono di Cristo Gesù hanno crocifisso la carne con le sue passioni e i suoi desideri. 25Perciò se viviamo dello Spirito, camminiamo anche secondo lo Spirito.

Vangelo

Gv 15,26-27.16,12-15

26Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; 27e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. 12Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. 13Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. 14Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. 15Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà.

Commento alla Liturgia

Secondo lo Spirito

Rosalba Manes

Nella solennità di Pentecoste la Liturgia della Parola attinge ai tesori del Discorso d’Addio di Gesù. Il Maestro, sapendo che l’ora della sua consegna definitiva nell’amore e nel perdono è assai vicina, parla ai suoi scaldando il loro cuore con la fiamma di una promessa che sa di eternità, del per sempre di Dio. L’intento di Gesù è di farli accedere, e man mano addentrare, nell’intimità divina per sperimentarne tutta la potenza d’amore. Per questo egli apre il “forziere” della comunione trinitaria e riossigena il clima del Cenacolo che da asfittico, per via del tradimento di Giuda, torna salubre grazie al soffio dell’amicizia alitato da Cristo. In questa atmosfera Gesù annuncia il dono più grande che farà ai suoi prima di tornare al Padre, lo Spirito Santo, che ha il potere di rendere condivisibile tutto ciò che il Padre gli ha donato:

«Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me» (Gv 15,26).

L’effusione dello Spirito viene annunciata come la venuta non di una forza qualunque o di una realtà impersonale ma di una Persona che manifesta tutta la sua disponibilità verso la creatura umana e se ne prende cura in qualità di avvocato difensore, di luce di verità e di testimone del Maestro, che supporterà la testimonianza degli apostoli lavorando in sinergia con loro e rendendoli suoi partner nell’unica missione di evangelizzazione. Lo Spirito permetterà inoltre ai discepoli di Gesù di recepire tutto il “tesoro” delle parole di Gesù per dispensarlo poi a piene mani e senza sosta:

«Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future» (Gv 16,13).

Lo Spirito viene, guida e parla. La sua venuta si caratterizza come amorevole comunicazione divina. La sua guida conduce a Dio e alla comprensione di ogni cosa, che appare nella sua verità profonda solo in Colui da cui tutto proviene. Il suo insegnamento si muove tra la memoria delle parole pronunciate dal Maestro nel suo ministero pubblico e la profezia relativa a ciò che dovrà ancora accadere e a quella parola di Dio che è la vita della Chiesa e di tutti noi. Lo Spirito comunica così al discepolo la verità della sua identità di “Fuoco che accende fuoco”, come appare nell’evento della Pentecoste narrato negli Atti:

«Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo» (At 2,3-4).

Lo Spirito porta il fuoco di Dio sulla terra e infiamma i discepoli abilitandoli a parlare delle «grandi opere di Dio» (At 2,11) nella lingua materna di chi li ascolta. Questa lode poliglotta veicola una parola che, attraverso vibrazioni di suono familiari a chi ascolta, arriva dritta al cuore, lo riconcilia con il Padre e con gli altri e procura un forte senso di gratitudine e di libertà. Di questa liberazione parla Paolo ai Galati:

«se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge» (Gal 5,18).

La vita nella signoria di Cristo animata dal soffio dello Spirito è infatti un’esistenza da figli del Padre, liberi, non ossessionati da precetti e norme che dettano il programma della giornata ma sintonizzati con il cuore di Cristo che pulsa nella sua parola e capaci di operare continuamente l’arte del discernimento sotto l’azione del Spirito che, se accolto, produce in noi gli effetti più belli:

«Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé» (Gal 5,22).

Questi effetti della vita secondo lo Spirito rendono ogni esistenza un capolavoro di bellezza che porta nuova dignità al mondo, una profezia della santità di Dio e un’originale anticipazione del Regno.

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.