Commento alla Liturgia

Lunedì della XIII settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

Gen 18,16-33

16Quegli uomini si alzarono e andarono a contemplare Sòdoma dall'alto, mentre Abramo li accompagnava per congedarli. 17Il Signore diceva: "Devo io tenere nascosto ad Abramo quello che sto per fare, 18mentre Abramo dovrà diventare una nazione grande e potente e in lui si diranno benedette tutte le nazioni della terra? 19Infatti io l'ho scelto, perché egli obblighi i suoi figli e la sua famiglia dopo di lui a osservare la via del Signore e ad agire con giustizia e diritto, perché il Signore compia per Abramo quanto gli ha promesso". 20Disse allora il Signore: "Il grido di Sòdoma e Gomorra è troppo grande e il loro peccato è molto grave. 21Voglio scendere a vedere se proprio hanno fatto tutto il male di cui è giunto il grido fino a me; lo voglio sapere!". 22Quegli uomini partirono di là e andarono verso Sòdoma, mentre Abramo stava ancora alla presenza del Signore. 23Abramo gli si avvicinò e gli disse: "Davvero sterminerai il giusto con l'empio? 24Forse vi sono cinquanta giusti nella città: davvero li vuoi sopprimere? E non perdonerai a quel luogo per riguardo ai cinquanta giusti che vi si trovano? 25Lontano da te il far morire il giusto con l'empio, così che il giusto sia trattato come l'empio; lontano da te! Forse il giudice di tutta la terra non praticherà la giustizia?". 26Rispose il Signore: "Se a Sòdoma troverò cinquanta giusti nell'ambito della città, per riguardo a loro perdonerò a tutto quel luogo". 27Abramo riprese e disse: "Vedi come ardisco parlare al mio Signore, io che sono polvere e cenere: 28forse ai cinquanta giusti ne mancheranno cinque; per questi cinque distruggerai tutta la città?". Rispose: "Non la distruggerò, se ve ne troverò quarantacinque". 29Abramo riprese ancora a parlargli e disse: "Forse là se ne troveranno quaranta". Rispose: "Non lo farò, per riguardo a quei quaranta". 30Riprese: "Non si adiri il mio Signore, se parlo ancora: forse là se ne troveranno trenta". Rispose: "Non lo farò, se ve ne troverò trenta". 31Riprese: "Vedi come ardisco parlare al mio Signore! Forse là se ne troveranno venti". Rispose: "Non la distruggerò per riguardo a quei venti". 32Riprese: "Non si adiri il mio Signore, se parlo ancora una volta sola: forse là se ne troveranno dieci". Rispose: "Non la distruggerò per riguardo a quei dieci". 33Come ebbe finito di parlare con Abramo, il Signore se ne andò e Abramo ritornò alla sua abitazione.

Vangelo

Mt 8,18-22

18Vedendo la folla attorno a sé, Gesù ordinò di passare all'altra riva. 19Allora uno scriba si avvicinò e gli disse: "Maestro, ti seguirò dovunque tu vada". 20Gli rispose Gesù: "Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell'uomo non ha dove posare il capo". 21E un altro dei suoi discepoli gli disse: "Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre". 22Ma Gesù gli rispose: "Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti".

Commento alla Liturgia

All'altra riva

Roberto Pasolini

Le Scritture di oggi raffigurano il volto di un Dio che talvolta appare duro ed esigente — per non dire spietato — nei nostri confronti. La lunga preghiera di intercessione con cui Abramo sembra placare l’ira del Signore, riconducendola a parametri di indulgenza, potrebbe persino lasciarci l’impressione che la misericordia sia un’attitudine più umana che divina.

Abramo gli si avvicinò e disse: «Davvero sterminerai il giusto con l’empio? Forse vi sono cinquanta giusti nella città: davvero li vuoi sopprimere?» (Gen 18,23-24).

In realtà, leggendo più attentamente la parola di Dio scritta in parole umane, ci accorgiamo che le cose non stanno affatto in questi termini. Anzitutto, se Abramo si ritrova a pregare in favore di altri è perché il Signore ha voluto partecipargli le sue intenzioni. Che poi, a ben vedere, non sono (mai) progetti di morte, ma movimenti di compassione suscitati dal grido di sofferenza della nostra umanità, così facile a perdersi nelle latitudini della tristezza e del peccato.

Disse allora il Signore: «Il grido di Sòdoma e Gomorra è troppo grande e il loro peccato è molto grave. Voglio scendere a vedere se proprio hanno fatto tutto il male di cui è giunto il grido fino a me; lo voglio sapere!» (Gen 18,20-21).

Il Dio che sembra (sempre) guardarci dall’alto al basso, per giudicare senza troppa accondiscendenza i nostri percorsi, è in realtà un Padre che non si stanca mai di ascoltare le nostra grida di dolore e di disagio. Per comprenderne le ragioni profonde e indicarci cammini di salvezza e di liberazione. Senza però cedere alla facile tentazione di omologare subito i nostri progetti, ancora così segnati da protagonismo e paura.

«Maestro ti seguirò dovunque tu vada [...] Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti» (Mt 8,19.22).

No, all’altra riva non c’è né un Dio impassibile, né una vocazione troppo difficile a cui non possiamo corrispondere. C’è la voce buona e vera di chi, pazientemente, ci insegna che la nostra conversione al vangelo non può che ripartire sempre da quello che siamo e da ciò che la vita ci permette di essere quando il nostro cuore si lascia ammaestrare e condurre altrove.

Vedendo la folla attorno a sé. Gesù ordinò di passare all’altra riva (Mt 8,18).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.