Commento alla Liturgia

Lunedì della XXII settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

1Ts 4,13-18

13Non vogliamo, fratelli, lasciarvi nell'ignoranza a proposito di quelli che sono morti, perché non siate tristi come gli altri che non hanno speranza. 14Se infatti crediamo che Gesù è morto e risorto, così anche Dio, per mezzo di Gesù, radunerà con lui coloro che sono morti. 15Sulla parola del Signore infatti vi diciamo questo: noi, che viviamo e che saremo ancora in vita alla venuta del Signore, non avremo alcuna precedenza su quelli che sono morti. 16Perché il Signore stesso, a un ordine, alla voce dell'arcangelo e al suono della tromba di Dio, discenderà dal cielo. E prima risorgeranno i morti in Cristo; 17quindi noi, che viviamo e che saremo ancora in vita, verremo rapiti insieme con loro nelle nubi, per andare incontro al Signore in alto, e così per sempre saremo con il Signore. 18Confortatevi dunque a vicenda con queste parole.

Vangelo

Lc 4,16-30

16Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. 17Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto: 18Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi, 19a proclamare l'anno di grazia del Signore. 20Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all'inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. 21Allora cominciò a dire loro: "Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato". 22Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: "Non è costui il figlio di Giuseppe?". 23Ma egli rispose loro: "Certamente voi mi citerete questo proverbio: "Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!"". 24Poi aggiunse: "In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. 25Anzi, in verità io vi dico: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; 26ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova a Sarepta di Sidone. 27C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro". 28All'udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. 29Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. 30Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

Commento alla Liturgia

Ignoranza

Roberto Pasolini

Il più antico scritto del Nuovo Testamento – redatto circa dieci anni dopo la risurrezione di Gesù – ci aiuta a comprendere quanto serie e profonde possano essere le conseguenze del mistero pasquale per la nostra vita. Riflettendo sugli effetti della Pasqua eterna di Cristo, l’autore di questa antica lettera invita a considerare in che misura il vangelo è in grado di offrire a ogni battezzato il conforto di una grande speranza:

«E prima risorgeranno i morti in Cristo; quindi noi, che viviamo e che saremo ancora in vita, verremo rapiti insieme con loro nelle nubi, per andare incontro al Signore in alto, e così per sempre saremo con il Signore» (1Ts 4,16-17).

Non può che suscitare un certo stupore il modo, così intenso eppure così semplice, con cui la gioia dell’amicizia con Cristo ha potuto radicarsi nel cuore dei primi cristiani. La grande fiducia in una possibile risurrezione di vita non è stata percepita tanto come la possibilità di fuggire dalla condizione di vita terrestre, oppure come il sogno di migrare presto in un’altra condizione di vita di tipo celeste. Le conseguenze della risurrezione di Cristo nella vita umana sono state intese, fin dal principio, come il desiderio di poter vivere ogni cosa insieme a colui che è diventato, attraverso una passione d’amore, l’amante e l’amato di ogni essere umano.
Eppure, una speranza così vibrante e attraente, nella lettera, si sviluppa da una situazione che l’apostolo Paolo definisce «pericolosa» e di cui parla apertamente ai cristiani di Tessalonica. Nella comunità dei credenti esiste la concreta possibilità di restare chiusi dentro le maglie strette di una pericolosa ignoranza circa il tesoro spirituale contenuto nel battesimo, un’ignoranza capace di condurre, lentamente e inesorabilmente, nel ritmo di una vita agitata e confusa:

«Non vogliamo, fratelli, lasciarvi nell’ignoranza a proposito di quelli che sono morti, perché non siate tristi come gli altri che non hanno speranza» (1Ts 4,13).

Il rischio di poter credere nella rivelazione di Cristo, senza nutrire però alcuna fiducia nel fatto che le sue conseguenze si estendano anche alla nostra vita, non è così estraneo al nostro modo di sentire, come ci piacerebbe immaginare. Anzi, la possibilità di credere alla Pasqua di Cristo, ma non alla nostra, è una conseguenza del mistero dell’incarnazione, con cui Dio ha deciso di eleggere la tenda della nostra umanità a luogo di definitiva comunione con noi, lasciandoci però tutto il tempo e il modo di accogliere nella libertà i segni della sua fedele dedizione per noi.
L’inizio della vita pubblica di Gesù secondo il vangelo di Luca chiama «scandalo» questo rischio della fede. I cittadini di Nazaret si scoprono incapaci di accogliere la profezia di salvezza annunciata con grande solennità da Gesù nella sinagoga del paese, intuendo che una simile ammissione avrebbe enormi ripercussioni nella loro esistenza:

«Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi e proclamare l’anno di grazia del Signore» (Lc 4,18-19).

Nel momento stesso in cui la luce di Dio squarcia – definitivamente – il velo della loro ignoranza, le persone più vicine e familiari a Gesù vengono rappresentate nel corto circuito di una terribile ostilità nei suoi confronti e refrattarie al processo terapeutico che ogni momento di salvezza attiva.
Intuendo le profondità di questa reazione, è lo stesso Signore Gesù a esplicitare le mormorazioni presenti nel cuore di tutti:

«Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafarnào, fallo anche qui, nella tua patria!”» (Lc 4,23).

Non accettando di essere annoverati tra i poveri e gli oppressi a cui si rivolge l’annuncio di un tempo di grazia, gli abitanti di Nazaret si sentono non solo in dovere di difendersi, ma anche nella libertà di poter essere aggressivi nei confronti di Gesù. Questa arroganza scaturisce dalla presunzione di avere sempre una «precedenza» (1Ts 4,15) con cui ci illudiamo di essere – o almeno sentirci – superiori agli altri. Per fortuna questa «ignoranza», che ci rende soprattutto assai «tristi», nemmeno Dio può ammetterla:

«Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino» (Lc 4,30).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.