Commento alla Liturgia

Martedì della XXIII settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

Col 2,6-15

6Come dunque avete accolto Cristo Gesù, il Signore, in lui camminate, 7radicati e costruiti su di lui, saldi nella fede come vi è stato insegnato, sovrabbondando nel rendimento di grazie. 8Fate attenzione che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vuoti raggiri ispirati alla tradizione umana, secondo gli elementi del mondo e non secondo Cristo. 9È in lui che abita corporalmente tutta la pienezza della divinità, 10e voi partecipate della pienezza di lui, che è il capo di ogni Principato e di ogni Potenza. 11In lui voi siete stati anche circoncisi non mediante una circoncisione fatta da mano d'uomo con la spogliazione del corpo di carne, ma con la circoncisione di Cristo: 12con lui sepolti nel battesimo, con lui siete anche risorti mediante la fede nella potenza di Dio, che lo ha risuscitato dai morti. 13Con lui Dio ha dato vita anche a voi, che eravate morti a causa delle colpe e della non circoncisione della vostra carne, perdonandoci tutte le colpe e 14annullando il documento scritto contro di noi che, con le prescrizioni, ci era contrario: lo ha tolto di mezzo inchiodandolo alla croce. 15Avendo privato della loro forza i Principati e le Potenze, ne ha fatto pubblico spettacolo, trionfando su di loro in Cristo.

Vangelo

Lc 6,12-19

12In quei giorni egli se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. 13Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: 14Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, 15Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; 16Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore. 17Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C'era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone, 18che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. 19Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Commento alla Liturgia

Stile

MichaelDavide Semeraro

Il Vangelo ci mette di fronte a due quadri della vita del Signore Gesù: uno notturno e uno diurno. Davanti alla necessità di scegliere un gruppo di dodici discepoli cui verrà dato lo specialissimo nome di «apostoli» (Lc 6,13), il Signore Gesù non indice un concorso né tantomeno una selezione e neppure dei colloqui, come si fa nelle nostre aziende persino religiose, ma

«passò tutta la notte pregando Dio» (Lc 6,12).

In questa durata della preghiera è adombrato il mistero di un combattimento nella preghiera, da cui possono nascere le scelte più importanti. Queste scelte, per quanto solenni e vere, non sono esenti da ombre e persino da vistosi fallimenti, tanto che la memoria dei nomi degli intimi collaboratori di Gesù termina in modo assai triste: «che divenne il traditore» (6,15). Vi è per gli apostoli - come per ciascuno di noi - un dono di chiamata che non esclude il grande impegno di diventare, attraverso la fatica quotidiana delle scelte personali, persone libere: non telecomandate, ma chiamate a crescere e a rivelare il proprio cuore.
Il gruppo degli apostoli non è un club di privilegiati ma, nell’intenzione di Gesù, vorrebbe essere un pugno di lievito nascosto nella pasta dell’umanità, per farla lievitare secondo la logica del Vangelo. Proprio di questo Vangelo, solo un po’ più in là, verranno esposte le linee portanti e rivoluzionarie nelle infuocate parole delle beatitudini. L’elezione degli apostoli, fatta da Gesù nel segreto della preghiera e al cospetto del Padre suo, è una scelta dettata da criteri che possiamo immaginare, ma che non sono del tutto rivelati. Proprio come avviene in ogni scelta intima d’amore. In ogni modo, la scelta del Signore ha un effetto immediato e rivelativo di quelli che sono la missione e lo stile della Chiesa: «Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante» e Luca aggiunge che «C’era gran folla…» (6,17). Possiamo immaginare gli apostoli seduti per terra in mezzo alla gente e non certo elevati su troni e predelle. Il loro posto è non solo con il Signore Gesù ma, come il loro Maestro, è anche quello di sedere all’altezza della bassezza delle condizioni umane, le più difficili e disperate:

«erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti» (Lc 6,18).

Allora l’esortazione con cui esordisce l’apostolo Paolo nella prima lettura, diventa un memoriale di quello che è lo stile discepolare a cui siamo chiamati: «come avete accolto Cristo Gesù, il Signore, in lui camminate, radicati e costruiti su di lui, saldi nella fede come vi è stato insegnato, sovrabbondando nel rendimento di grazie» (Col 2,6-7). Paolo è ben conscio del pericolo di cedere alla tentazione di costruire sul fondamento di se stessi e per questo mette severamente in guardia:

«Fate attenzione che nessuno faccia di voi sua preda con la filosofia e con vuoti raggiri…» (Col 2,8).

Dal Signore Gesù siamo chiamati a imparare a generare le nostre giornate dal seno della notte di una preghiera profonda, una preghiera capace di orientare verso la luce le nostre scelte e di rendere i nostri atteggiamenti sempre più conformi allo stile del Vangelo, di cui ciascun discepolo è chiamato a diventare testimone e non «traditore» (Lc 6,15).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.