Commento alla Liturgia

Mercoledì della XXX settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

Rm 8,26-30

26Allo stesso modo anche lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza; non sappiamo infatti come pregare in modo conveniente, ma lo Spirito stesso intercede con gemiti inesprimibili; 27e colui che scruta i cuori sa che cosa desidera lo Spirito, perché egli intercede per i santi secondo i disegni di Dio. 28Del resto, noi sappiamo che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio, per coloro che sono stati chiamati secondo il suo disegno. 29Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto, li ha anche predestinati a essere conformi all'immagine del Figlio suo, perché egli sia il primogenito tra molti fratelli; 30quelli poi che ha predestinato, li ha anche chiamati; quelli che ha chiamato, li ha anche giustificati; quelli che ha giustificato, li ha anche glorificati.

Vangelo

Lc 13,22-30

22Passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme. 23Un tale gli chiese: "Signore, sono pochi quelli che si salvano?". Disse loro: 24"Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno. 25Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: "Signore, aprici!". Ma egli vi risponderà: "Non so di dove siete". 26Allora comincerete a dire: "Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze". 27Ma egli vi dichiarerà: "Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia! ". 28Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori. 29Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. 30Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi".

Commento alla Liturgia

Come pregare

Roberto Pasolini

L’apostolo — quando la sua più celebre lettera è immersa e immerge in una meravigliosa contemplazione del mistero della redenzione — arriva a parlare con estrema sincerità dell’esperienza di preghiera. Senza girare attorno al problema, dichiara quello che noi tutti facciamo sempre un po’ fatica a riconoscere. Davanti a noi stessi, prima che davanti a Dio.

«Non sappiamo infatti come pregare in modo conveniente, ma lo Spirito stesso intercede con gemiti inesprimibili» (Rm 8,26).

Pregare è un atto semplice, quasi elementare. È il grido dei figli, dei piccoli che levano al cielo la speranza del cuore. Certo, faticoso è perseverare. Ma la vera difficoltà della preghiera è capire quali sono le cose giuste da chiedere, rivolgere al Signore (solo) le domande convenienti. Non quelle con cui tentiamo di rassicurarci, coltivando l’illusione che i terremoti e le tempeste della vita — a suon di preghiere — non faranno parte del nostro destino.  

«Del resto, noi sappiamo che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio, per coloro che sono stati chiamati secondo il suo disegno» (Rm 8,28).

Anzi, continua Paolo, questa è l’unica cosa che sappiamo: non esistono situazioni o percorsi nei quali Dio sia assente. La storia — tutta e di tutti — sta salda nelle sue mani, che continuamente operano e costruiscono sentieri di salvezza, affinché il destino dei suoi figli sia pieno di dolce speranza e di sicura gloria.      

«[...] quelli che ha chiamato, li ha anche giustificati; quelli che ha giustificato, li ha anche glorificati» (Rm 8,30).

Piuttosto inutile — per non dire velenoso — farsi invece perniciose domande, con le quali diamo voce, e quindi ossigeno, alla paura di non essere all’altezza delle chiamate che la vita ci rivolge. Nemmeno quella fondamentale a (poter) essere figli di un Dio Padre.

Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno» (Lc 13,23-24).

Il desiderio di Dio nei nostri confronti non è piccolo e non è per pochi. Semmai lo è il nostro di essere con lui e in lui, comprovato dalla facilità con cui ci attacchiamo alle abitudini religiose e alle logiche di merito, anziché abbandonarci al ritmo della confidenza e della complicità.

«Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze» (Lc 13,26).

Dio desidera fortemente la nostra salvezza. I gemiti del suo Spirito in noi — capace di gridare più forte di ogni paura — lo attestano al nostro spirito. Le profezie di inclusione e di universalità, ispirate e tramandate sin dai tempi antichi, ne danno ampia conferma.

«Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio» (Lc 13,29).

Dobbiamo solo rinnegare le domande sbagliate. Smettere di entrare nei labirinti del dubbio e dell’insicurezza. Riconoscere di non aver capito quasi nulla di come, quando, perché l’amore di Dio ha deciso di iscrivere anche il nostro nome nell’infinito registro dei salvati, nella comunione dei suoi figli. Solo così può compiersi, quasi spontaneamente, la grazia della conversione.

«Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi» (Lc 13,30).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.