Commento alla Liturgia

Venerdì della XXXIII settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

1Mac 4,36-37.52-59

36Giuda intanto e i suoi fratelli dissero: "Ecco, sono stati sconfitti i nostri nemici: andiamo a purificare il santuario e a riconsacrarlo". 37Così si radunò tutto l'esercito e salirono al monte Sion. 52Si radunarono il mattino del venticinque del nono mese, cioè il mese di Chisleu, nell'anno centoquarantotto, 53e offrirono il sacrificio secondo la legge sul nuovo altare degli olocausti che avevano costruito. 54Nella stessa stagione e nello stesso giorno in cui l'avevano profanato i pagani, fu riconsacrato fra canti e suoni di cetre e arpe e cimbali. 55Tutto il popolo si prostrò con la faccia a terra, e adorarono e benedissero il Cielo che era stato loro propizio. 56Celebrarono la dedicazione dell'altare per otto giorni e offrirono olocausti con gioia e sacrificarono vittime di ringraziamento e di lode. 57Poi ornarono la facciata del tempio con corone d'oro e piccoli scudi. Rifecero i portoni e le celle sacre, munendole di porte. 58Grandissima fu la gioia del popolo, perché era stata cancellata l'onta dei pagani. 59Giuda, i suoi fratelli e tutta l'assemblea d'Israele, poi, stabilirono che si celebrassero i giorni della dedicazione dell'altare nella loro ricorrenza, ogni anno, per otto giorni, cominciando dal venticinque del mese di Chisleu, con gioia ed esultanza.

Salmo Responsoriale

Da 1Cr 29,10-12

R. Lodiamo il tuo nome glorioso, Signore.

Benedetto sei tu, Signore,
Dio d’Israele, nostro padre,
ora e per sempre. R.

Tua, Signore, è la grandezza, la potenza,
lo splendore, la gloria e la maestà:
perché tutto, nei cieli e sulla terra, è tuo. R.

Tuo è il regno, Signore:
ti innalzi sovrano sopra ogni cosa.
Da te provengono la ricchezza e la gloria. R.

Tu domini tutto;
nella tua mano c’è forza e potenza,
con la tua mano dai a tutti ricchezza e potere. R.

Vangelo

Lc 19,45-48

45Ed entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, 46dicendo loro: "Sta scritto: La mia casa sarà casa di preghiera. Voi invece ne avete fatto un covo di ladri". 47Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; 48ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell'ascoltarlo.

Commento alla Liturgia

Appesi

Roberto Pasolini

Il gesto forte, lontano da equivoci, che Gesù compie nel tempio è uno splendido e drammatico avvio alla meditazione di oggi. Osservando come il luogo dove il popolo vive la sua relazione comunitaria e personale con Dio sia divenuto un emporio religioso, il Maestro non esita neanche per un attimo a fare un gesto profetico capace di denunciare la profonda ambiguità che dovrebbe essere sotto gli occhi di tutti. E invece non sembra affatto esserlo.

In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: “La mia casa sarà casa di preghiera”. Voi invece ne avete fatto un covo di ladri (Lc 19,45-46).

Purtroppo questa pericolosa trasformazione può accadere facilmente a ogni credente, a chiunque si rivolge a Dio per orientare il suo cammino. Facciamo della preghiera — e dei luoghi a essa deputati — un luogo di mercato ogni volta che, partendo dalla lodevole intenzione di onorare e ascoltare la voce di Dio, finiamo col servirci di lui per giustificare i nostri interessi. Anziché restare nei termini di una relazione di ascolto e di libera obbedienza, cadiamo nel rischio di manipolare Dio quando tentiamo di piegarlo a noi con smancerie e gesti ammiccanti. Proprio come facciamo molto spesso con gli altri, per paura della solitudine o della sofferenza. Invece che guardare in faccia la realtà e decidere di purificare il tempio della nostra anima, come Giuda e i suoi fratelli non esitano a fare.

«Ecco, sono stati sconfitti i nostri nemici: andiamo a purificare il santuario e a riconsacrarlo» (1Mac 4,36).

Siamo sempre tentati di vivere i rapporti — anche quello con Dio — a metà, fino a un certo punto, ben al riparo dal rischio di consegnarci all’incontro con l’altro senza riserve. Pur sapendo — in fondo al cuore — che altre strade in fondo non esistono, se non vogliamo scendere a compromessi. Con noi stessi prima che con il Signore. Questa profonda nostalgia di verità, (con)ficcata dentro il nostro petto è, spesso, l’unica nostra salvezza. La sola forza per restare appesi alle labbra del Signore, anziché sospesi nelle infinite tentazioni di superficialità.

I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo (Lc 19,47-48).

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.