Commento alla Liturgia

Venerdì della XXXIV settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

Dn 7,2-14

2Io, Daniele, guardavo nella mia visione notturna, ed ecco, i quattro venti del cielo si abbattevano impetuosamente sul Mare Grande 3e quattro grandi bestie, differenti l'una dall'altra, salivano dal mare. 4La prima era simile a un leone e aveva ali di aquila. Mentre io stavo guardando, le furono strappate le ali e fu sollevata da terra e fatta stare su due piedi come un uomo e le fu dato un cuore d'uomo. 5Poi ecco una seconda bestia, simile a un orso, la quale stava alzata da un lato e aveva tre costole in bocca, fra i denti, e le fu detto: "Su, divora molta carne". 6Dopo di questa, mentre stavo guardando, eccone un'altra simile a un leopardo, la quale aveva quattro ali d'uccello sul dorso; quella bestia aveva quattro teste e le fu dato il potere. 7Dopo di questa, stavo ancora guardando nelle visioni notturne, ed ecco una quarta bestia, spaventosa, terribile, d'una forza straordinaria, con grandi denti di ferro; divorava, stritolava e il rimanente se lo metteva sotto i piedi e lo calpestava: era diversa da tutte le altre bestie precedenti e aveva dieci corna. 8Stavo osservando queste corna, quand'ecco spuntare in mezzo a quelle un altro corno più piccolo, davanti al quale tre delle prime corna furono divelte: vidi che quel corno aveva occhi simili a quelli di un uomo e una bocca che proferiva parole arroganti. 9Io continuavo a guardare, quand'ecco furono collocati troni e un vegliardo si assise. La sua veste era candida come la neve e i capelli del suo capo erano candidi come la lana; il suo trono era come vampe di fuoco con le ruote come fuoco ardente. 10Un fiume di fuoco scorreva e usciva dinanzi a lui, mille migliaia lo servivano e diecimila miriadi lo assistevano. La corte sedette e i libri furono aperti. 11Continuai a guardare a causa delle parole arroganti che quel corno proferiva, e vidi che la bestia fu uccisa e il suo corpo distrutto e gettato a bruciare nel fuoco. 12Alle altre bestie fu tolto il potere e la durata della loro vita fu fissata fino a un termine stabilito. 13Guardando ancora nelle visioni notturne, ecco venire con le nubi del cielo uno simile a un figlio d'uomo; giunse fino al vegliardo e fu presentato a lui. 14Gli furono dati potere, gloria e regno; tutti i popoli, nazioni e lingue lo servivano: il suo potere è un potere eterno, che non finirà mai, e il suo regno non sarà mai distrutto.

Salmo Responsoriale

Da Dn 3,75-81

R. A lui la lode e la gloria nei secoli.

Benedite, monti e colline, il Signore.
Benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore. R.

Benedite, sorgenti, il Signore.
Benedite, mari e fiumi, il Signore. R.

Benedite, mostri marini e quanto si muove nell’acqua, il Signore.
Benedite, uccelli tutti dell’aria, il Signore. R.

Benedite, animali tutti, selvaggi e domestici, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli. R.

Vangelo

Lc 21,29-33

29E disse loro una parabola: "Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: 30quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l'estate è vicina. 31Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. 32In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. 33Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.

Commento alla Liturgia

L'arte del discernimento

Luigi Maria Epicoco

Per un cristiano la lettura corretta dei segni non risiede nelle proprie sensazioni, né nei meri ragionamenti, ma bensì nella capacità di saper vedere le cose così come le vede Dio.

“Guardate il fico e tutte le piante; quando già germogliano, guardandoli capite da voi stessi che ormai l’estate è vicina”.

L’invito del Vangelo di oggi è di saper leggere i segni della nostra storia. Ma non è mai facile saperlo fare. Ecco perché per un cristiano è importante esercitarsi nell’arte del discernimento, perché molto spesso noi leggiamo la nostra vita in maniera emotiva, sentimentale o intellettuale senza mai riuscire a coglierne davvero il significato. Il segreto è la frequenza al Vangelo, e in generale alla Parola di Dio, ci istillano dentro questo sguardo altro sulle cose. Più viviamo una relazione profonda con Dio, e più siamo immersi nel Suo sguardo sulle cose. Più lo amiamo e più sentiamo come Lui, vediamo come Lui, viviamo come Lui. È una sorta di simbiosi d’amore che mentre ci lascia profondamente noi stessi ci dona però un punto di vista privilegiato su noi stessi e sulla storia. È troppo poco cercare segni e conferme, la grazia da domandare è saperli leggere. Senza la giusta chiave di lettura le esperienze decisive della vita, belle o brutte, vengono sprecate. Invece un dolore o una gioia quando sono letti in maniera corretta ci forniscono una lettura sapienziale di noi stessi e del significato della nostra vita. certamente rimane sempre una porzione di mistero, ma questo ci spinge solo a voler entrare più intensamente nelle cose. Gesù ci parla della fine non per spaventarci ma per far nascere dentro di noi la nostalgia di “un fine”. Solo a partire da quello anche la fine è vivibile.

“Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno”.

Senza il discernimento rischiamo di lasciare che i segni della nostra vita vengano letti dalle nostre ferite, dalle nostre paure, dalle nostre aspettative, avendo della vita e della nostra storia una visione distorta.

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.