Commento alla Liturgia

Sabato della II settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

2Sam 1,4.11-12.17.19.23-27

4Davide gli domandò: "Come sono andate le cose? Su, dammi notizie!". Rispose: "È successo che il popolo è fuggito nel corso della battaglia, molti del popolo sono caduti e sono morti; anche Saul e suo figlio Giònata sono morti". 11Davide afferrò le sue vesti e le stracciò; così fecero tutti gli uomini che erano con lui. 12Essi alzarono lamenti, piansero e digiunarono fino a sera per Saul e Giònata, suo figlio, per il popolo del Signore e per la casa d'Israele, perché erano caduti di spada. 17Allora Davide intonò questo lamento su Saul e suo figlio Giònata 19"Il tuo vanto, Israele, sulle tue alture giace trafitto! Come sono caduti gli eroi? 23O Saul e Giònata, amabili e gentili, né in vita né in morte furono divisi; erano più veloci delle aquile, più forti dei leoni. 24Figlie d'Israele, piangete su Saul, che con delizia vi rivestiva di porpora, che appendeva gioielli d'oro sulle vostre vesti. 25Come son caduti gli eroi in mezzo alla battaglia? Giònata, sulle tue alture trafitto! 26Una grande pena ho per te, fratello mio, Giònata! Tu mi eri molto caro; la tua amicizia era per me preziosa, più che amore di donna. 27Come sono caduti gli eroi, sono perite le armi?".

Salmo Responsoriale

Dal Sal 79 (80)

R. Fa’ splendere il tuo volto, Signore, e noi saremo salvi.

Tu, pastore d’Israele, ascolta,
tu che guidi Giuseppe come un gregge.
Seduto sui cherubini, risplendi
davanti a Èfraim, Beniamino e Manasse.
Risveglia la tua potenza
e vieni a salvarci. R.

Signore, Dio degli eserciti,
fino a quando fremerai di sdegno
contro le preghiere del tuo popolo?
Tu ci nutri con pane di lacrime,
ci fai bere lacrime in abbondanza.
Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini
e i nostri nemici ridono di noi. R.

Vangelo

Mc 3,20-21

20Entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. 21Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: "È fuori di sé".

Commento alla Liturgia

Caro

MichaelDavide Semeraro

Le parole con cui Davide piange su Gionata non sono solo commoventi, ma sono epifaniche di ciò che sta nel profondo del suo cuore:

«Una grande pena ho per te, fratello mio, Giònata! Tu mi eri molto caro; la tua amicizia era per me preziosa, più che amore di donna» (2Sam 1,26).

Eppure la morte del re Saul e di suo figlio, in realtà, libera la strada per l’ascesa regale di Davide, che avrebbe più motivi per rallegrarsi di queste morti che non di rattristarsi. Ma è proprio in questo momento che si rivela pienamente ciò che sta a cuore al cuore di Davide e, in ultima analisi, il motivo per cui il cuore del Signore si compiace di quest’uomo, non privo di contraddizioni e di colpe eppure così capaci di essere «caro» e di sentire gli altri, persino quando possono ostacolare i nostri cammini. Qualcosa di analogo si attua nella «casa» (Mc 3,20) in cui il Signore Gesù si lascia «mangiare», per così dire, dalla folla tanto da non avere più nemmeno il tempo di mangiare e questo crea un certo sconcerto, forse persino un po’ di sgomento nella sua famiglia, che si sente responsabile della sua integrità e incolumità e che comincia a dubitare del suo equilibrio:

«È fuori di sé» (Mc 3,21).

Cosa rende così incomprensibile il Signore Gesù ai suoi parenti se non quello stesso atteggiamento che rende, spesso, incomprensibile Davide ai suoi compagni e ai suoi amici? Potremmo dire, in una parola, che si tratta di questa disponibilità a vivere sempre all’altezza delle esigenze del proprio cuore, anche quando questo sembra essere svantaggioso per i nostri interessi. Ma quali mai possono e debbono essere i nostri interessi se non quello di sentire come «caro» (2Sam 1,26) ogni persona con cui siamo chiamati a fare un pezzo di cammino della nostra vita? Gionata dà talmente spazio a Davide quasi da togliersi di mezzo per permettere che il suo destino si compia fino in fondo. E Davide non dimentica la preziosità di questo dono, ritenendo di essere l’unico autore della sua stessa vita. Al contrario, si sente in dovere di celebrare e di cantare il dono di un’amicizia senza la quale non sarebbe stato se stesso.
La follia che i suoi parenti riscontrano in Gesù è la stessa che Saul deve aver rimproverato a suo figlio Gionata: è la follia dell’amore che non solo mette generosamente l’altro al primo posto, ma che purificata dall’egoismo è capace di far trovare il proprio posto, riconoscendo e in certo modo favorendo quello dell’altro.

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.