Commento alla Liturgia

Lunedì della III settimana di Tempo Ordinario

Prima lettura

2Sam 5,1-7.10

1Vennero allora tutte le tribù d'Israele da Davide a Ebron, e gli dissero: "Ecco noi siamo tue ossa e tua carne. 2Già prima, quando regnava Saul su di noi, tu conducevi e riconducevi Israele. Il Signore ti ha detto: "Tu pascerai il mio popolo Israele, tu sarai capo d'Israele"". 3Vennero dunque tutti gli anziani d'Israele dal re a Ebron, il re Davide concluse con loro un'alleanza a Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re d'Israele. 4Davide aveva trent'anni quando fu fatto re e regnò quarant'anni. 5A Ebron regnò su Giuda sette anni e sei mesi e a Gerusalemme regnò trentatré anni su tutto Israele e su Giuda. 6Il re e i suoi uomini andarono a Gerusalemme contro i Gebusei che abitavano in quella regione. Costoro dissero a Davide: "Tu qui non entrerai: i ciechi e gli zoppi ti respingeranno", per dire: "Davide non potrà entrare qui". 7Ma Davide espugnò la rocca di Sion, cioè la Città di Davide. 10Davide andava sempre più crescendo in potenza e il Signore, Dio degli eserciti, era con lui.

Salmo Responsoriale

Dal Sal 88 (89)

R. La mia fedeltà e il mio amore saranno con lui.
oppure:
R. Il Signore è fedele e protegge il suo servo.

Un tempo parlasti in visione ai tuoi fedeli, dicendo:
«Ho portato aiuto a un prode,
ho esaltato un eletto tra il mio popolo. R.

Ho trovato Davide, mio servo,
con il mio santo olio l’ho consacrato;
la mia mano è il suo sostegno,
il mio braccio è la sua forza. R.

La mia fedeltà e il mio amore saranno con lui
e nel mio nome s’innalzerà la sua fronte.
Farò estendere sul mare la sua mano
e sui fiumi la sua destra». R.

Vangelo

Mc 3,22-30

22Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: "Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni". 23Ma egli li chiamò e con parabole diceva loro: "Come può Satana scacciare Satana? 24Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; 25se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. 26Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. 27Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. 28In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; 29ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna". 30Poiché dicevano: "È posseduto da uno spirito impuro".

Commento alla Liturgia

Regno

MichaelDavide Semeraro

Nella prima lettura ci viene narrato il modo in cui Davide viene costituito re su tutto Israele a Ebron. Nella memoria di Israele, questo “atto di costituzione” non è altro che “un atto di unione” espresso con gli stessi termini con cui Adamo si meraviglia, nel momento della creazione della donna, uscendo così dal dramma della sua solitudine:

«Ecco noi siamo tue ossa e tua carne» (2Sam 5,1).

Ciò che rende possibile e stabile il regno di Davide è la sua capacità – quella che i suoi successori presto smarriranno – di creare attorno a sé un’unità che nasce dal cuore e dal sentimento di appartenenza reciproca che fonda e conserva i legami di fiducia pur nelle inevitabili difficoltà. Nella linea davidica, la reazione del Signore Gesù all’accusa degli scribi e farisei va nella stessa linea:

«Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi» (Mc 3,25).

Nonostante, o forse proprio a motivo, di tutte le ambiguità di Davide nel suo modo di essere uomo credente e re del suo popolo c’è una costante che rimane per noi un esempio e un monito: «il re Davide concluse con loro un’alleanza a Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re d’Israele» (2Sam 5,3).
Ciò che manca agli interlocutori del Signore Gesù è questa disponibilità di fondo a fare «alleanza», inclini come sono a evidenziare e a radicalizzare piuttosto quello che divide e tutto ciò che, contrapponendo, indebolisce. Non è raro anche per noi che l’accusa che muoviamo ad altri tradisce la nostra segreta speranza che gli altri siano meno capaci di metterci in crisi:

«Costui è posseduto da Beelzebul e scaccia i demoni per mezzo del capo dei demoni» (Mc 3,22).

Somiglia tanto a quanto pensano, dicono e si augurano i Gebusei riguardo a Davide: «Tu qui non entrerai: i ciechi e gli zoppi ti respingeranno» (2Sam 5,6). Eppure le cose non vanno proprio così: «Ma Davide espugnò la rocca di Sion, cioè la città di Davide» e ancora «Davide andava sempre più crescendo in potenza e il Signore, Dio degli eserciti, era con lui» (5,7.10).  
Nella stessa linea, il Signore Gesù spiega ai suoi detrattori che hanno torto: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi. Se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella con se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito» (Mc 3,24-26). Quello che si dicevano tra loro i Gebusei: «Davide non potrà entrare qui» (2Sam 5,6) è detto sub contrario dal Signore Gesù:

«Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega» (Mc 3,27).

La forza non può che venire da Dio, il quale non permette che i suoi figli cadano in balìa del nemico, ma ci assiste con la forza e la luce dello «Spirito Santo» (3,29) nella cui pace troveremo sempre la via dell’unità interiore e della concordia fraterna, per vincere ogni assalto del male e trovare… e donare pace. Del resto «Gerusalemme» (2Sam 5,6) significa “visione di pace”.

Cerca nei commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.