Proverbi

Capitolo 31

1Parole di Lemuèl, re di Massa, che apprese da sua madre. 2Che mai, figlio mio! Che mai, figlio del mio grembo! Che mai, figlio dei miei voti! 3Non concedere alle donne il tuo vigore, né i tuoi fianchi a quelle che corrompono i re. 4Non conviene ai re, Lemuèl, non conviene ai re bere il vino, né ai prìncipi desiderare bevande inebrianti, 5per paura che, bevendo, dimentichino ciò che hanno decretato e tradiscano il diritto di tutti gli infelici. 6Date bevande inebrianti a chi si sente venir meno e il vino a chi ha l'amarezza nel cuore: 7beva e dimentichi la sua povertà e non si ricordi più delle sue pene. 8Apri la bocca in favore del muto, in difesa di tutti gli sventurati. 9Apri la bocca e giudica con equità, rendi giustizia all'infelice e al povero. 10Una donna forte chi potrà trovarla? Ben superiore alle perle è il suo valore. 11In lei confida il cuore del marito e non verrà a mancargli il profitto. 12Gli dà felicità e non dispiacere per tutti i giorni della sua vita. 13Si procura lana e lino e li lavora volentieri con le mani. 14È simile alle navi di un mercante, fa venire da lontano le provviste. 15Si alza quando è ancora notte, distribuisce il cibo alla sua famiglia e dà ordini alle sue domestiche. 16Pensa a un campo e lo acquista e con il frutto delle sue mani pianta una vigna. 17Si cinge forte i fianchi e rafforza le sue braccia. 18È soddisfatta, perché i suoi affari vanno bene; neppure di notte si spegne la sua lampada. 19Stende la sua mano alla conocchia e le sue dita tengono il fuso. 20Apre le sue palme al misero, stende la mano al povero. 21Non teme la neve per la sua famiglia, perché tutti i suoi familiari hanno doppio vestito. 22Si è procurata delle coperte, di lino e di porpora sono le sue vesti. 23Suo marito è stimato alle porte della città, quando siede in giudizio con gli anziani del luogo. 24Confeziona tuniche e le vende e fornisce cinture al mercante. 25Forza e decoro sono il suo vestito e fiduciosa va incontro all'avvenire. 26Apre la bocca con saggezza e la sua lingua ha solo insegnamenti di bontà. 27Sorveglia l'andamento della sua casa e non mangia il pane della pigrizia. 28Sorgono i suoi figli e ne esaltano le doti, suo marito ne tesse l'elogio: 29"Molte figlie hanno compiuto cose eccellenti, ma tu le hai superate tutte!". 30Illusorio è il fascino e fugace la bellezza, ma la donna che teme Dio è da lodare. 31Siatele riconoscenti per il frutto delle sue mani e le sue opere la lodino alle porte della città.

Su questo capitolo abbiamo trovato
0 commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.