Salmi

Capitolo 58

1Al maestro del coro. Su "Non distruggere". Di Davide. Miktam. 2Rendete veramente giustizia, o potenti, giudicate con equità gli uomini? 3No! Voi commettete iniquità con il cuore, sulla terra le vostre mani soppesano violenza. 4Sono traviati i malvagi fin dal seno materno, sono pervertiti dalla nascita i mentitori. 5Sono velenosi come un serpente, come una vipera sorda che si tura le orecchie, 6che non segue la voce degli incantatori, del mago abile nei sortilegi. 7Spezzagli, o Dio, i denti nella bocca, rompi, o Signore, le zanne dei leoni. 8Si dissolvano come acqua che scorre, come erba calpestata inaridiscano. 9Passino come bava di lumaca che si scioglie, come aborto di donna non vedano il sole! 10Prima che producano spine come il rovo, siano bruciati vivi, la collera li travolga. 11Il giusto godrà nel vedere la vendetta, laverà i piedi nel sangue dei malvagi. 12Gli uomini diranno: "C'è un guadagno per il giusto, c'è un Dio che fa giustizia sulla terra!".

Su questo capitolo abbiamo trovato
0 commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.