Siracide

Capitolo 29

1Chi pratica la misericordia concede prestiti al prossimo, chi lo sostiene con la sua mano osserva i comandamenti. 2Da' in prestito al prossimo quando ha bisogno, e a tua volta restituisci al prossimo nel momento fissato. 3Mantieni la parola e sii leale con lui, e in ogni momento troverai quello che ti occorre. 4Molti considerano il prestito come cosa trovata e causano fastidi a coloro che li hanno aiutati. 5Prima di ricevere, uno bacia la mano del creditore e parla con voce sommessa delle ricchezze altrui; ma alla scadenza cerca di guadagnare tempo, trova delle scuse e incolpa le circostanze. 6Se paga, a stento riceve la metà, e deve considerarla come una cosa trovata. In caso contrario, spoglia il creditore dei suoi averi e senza motivo se lo rende nemico; maledizioni e ingiurie gli restituisce, e invece della gloria gli rende disprezzo. 7Molti si rifiutano di prestare non per cattiveria, ma per paura di essere derubati senza ragione. 8Tuttavia sii paziente con il misero, e non fargli attendere troppo a lungo l'elemosina. 9Per amore del comandamento soccorri chi ha bisogno, secondo la sua necessità non rimandarlo a mani vuote. 10Perdi pure denaro per un fratello e un amico, non si arrugginisca inutilmente sotto una pietra. 11Disponi dei beni secondo i comandamenti dell'Altissimo e ti saranno più utili dell'oro. 12Riponi l'elemosina nei tuoi scrigni ed essa ti libererà da ogni male. 13Meglio di uno scudo resistente e di una lancia pesante, essa combatterà per te di fronte al nemico. 14L'uomo buono garantisce per il prossimo, ma chi ha perduto ogni vergogna lo abbandona. 15Non dimenticare il favore di chi si è fatto garante, poiché egli si è impegnato per te. 16Il vizioso dilapida i beni del suo garante 17e l'ingrato di cuore abbandona chi l'ha salvato. 18La cauzione ha rovinato molta gente onesta, li ha sballottati come onda del mare. Ha mandato in esilio uomini potenti, li ha costretti a vagare fra genti straniere. 19Un peccatore si precipita verso la garanzia, va dietro ai guadagni e finisce in tribunale. 20Aiuta il tuo prossimo secondo la tua possibilità e bada a te stesso per non rovinarti. 21Le prime necessità della vita sono acqua, pane e vestito, e una casa che protegga l'intimità. 22Meglio vivere da povero sotto un riparo di tavole, che godere di cibi sontuosi in casa d'altri. 23Sii contento del poco come del molto, e non ti sentirai rinfacciare di essere forestiero. 24Brutta vita andare di casa in casa, non potrai aprire bocca dove sarai forestiero. 25Dovrai accogliere gli ospiti, versare vino senza un grazie, e oltre a ciò ascolterai parole amare: 26"Vieni, forestiero, apparecchia la tavola, se hai qualche cosa sotto mano, dammi da mangiare". 27"Vattene via, forestiero, c'è uno più importante di te, mio fratello sarà mio ospite, ho bisogno della casa". 28Per un uomo che ha intelligenza sono dure queste cose: il rimprovero di essere forestiero e l'insulto di un creditore.

Su questo capitolo abbiamo trovato
0 commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.