Siracide

Capitolo 36

1Abbi pietà di noi, Signore, Dio dell'universo, e guarda*, 2infondi il tuo timore su tutte le nazioni*. 3Alza la tua mano sulle nazioni straniere, perché vedano la tua potenza. 4Come davanti a loro ti sei mostrato santo in mezzo a noi, così davanti a noi móstrati grande fra di loro. 5Ti riconoscano, come anche noi abbiamo riconosciuto che non c'è Dio al di fuori di te, o Signore. 6Rinnova i segni e ripeti i prodigi, 7glorifica la tua mano e il tuo braccio destro. 8Risveglia il tuo sdegno e riversa la tua ira, 9distruggi l'avversario e abbatti il nemico. 10Affretta il tempo e ricòrdati del giuramento, e si narrino le tue meraviglie. 11Sia consumato dall'ira del fuoco chi è sopravvissuto e cadano in rovina quelli che maltrattano il tuo popolo. 12Schiaccia le teste dei capi nemici che dicono: "Non c'è nessuno al di fuori di noi". 13Raduna tutte le tribù di Giacobbe, rendi loro l'eredità come era al principio. 14Abbi pietà, Signore, del popolo chiamato con il tuo nome, d'Israele che hai reso simile a un primogenito. 15Abbi pietà della tua città santa, di Gerusalemme, luogo del tuo riposo. 16Riempi Sion della celebrazione delle tue imprese e il tuo popolo della tua gloria. 17Rendi testimonianza alle creature che sono tue fin dal principio, risveglia le profezie fatte nel tuo nome. 18Ricompensa coloro che perseverano in te, i tuoi profeti siano trovati degni di fede. Ascolta, Signore, la preghiera dei tuoi servi, 19[secondo la benedizione di Aronne sul tuo popolo,] e riconoscano tutti quelli che abitano sulla terra che tu sei il Signore, il Dio dei secoli. 20Il ventre consuma ogni cibo, eppure un cibo è preferibile a un altro. 21Il palato distingue al gusto la selvaggina, così un cuore intelligente i discorsi bugiardi. 22Un cuore perverso è causa di dolore, un uomo dalla molta esperienza lo ripaga. 23Una donna accetta qualsiasi marito, ma vi è una giovane che è migliore di un'altra. 24La bellezza di una donna allieta il volto e sorpassa ogni desiderio dell'uomo. 25Se sulla sua lingua vi è bontà e dolcezza, suo marito non è un comune mortale. 26Chi si procura una sposa, possiede il primo dei beni, un aiuto adatto a lui e una colonna d'appoggio. 27Dove non esiste siepe, la proprietà viene saccheggiata, dove non c'è donna, l'uomo geme randagio. 28Chi si fida di un agile ladro che corre di città in città? Così è per l'uomo che non ha un nido e che si corica là dove lo coglie la notte.

Su questo capitolo abbiamo trovato
0 commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.