Siracide

Capitolo 40

1Grandi pene sono destinate a ogni uomo e un giogo pesante sta sui figli di Adamo, dal giorno della loro uscita dal grembo materno fino al giorno del ritorno alla madre di tutti. 2Il pensiero dell'attesa e il giorno della fine provocano le loro riflessioni e il timore del cuore. 3Da chi siede su un trono glorioso fino a chi è umiliato su terra e su cenere, 4da chi indossa porpora e corona fino a chi è ricoperto di panno grossolano, 5non c'è che sdegno, invidia, spavento, agitazione, paura della morte, contese e liti. Anche durante il riposo nel letto il sogno notturno turba i suoi pensieri: 6per un poco, come niente, sta nel riposo e subito nel sonno si affatica come di giorno, è sconvolto dalla visione del suo cuore, come chi è scampato da una battaglia. 7Al momento di mettersi in salvo si sveglia, meravigliandosi dell'irreale timore. 8Così è per ogni essere vivente, dall'uomo alla bestia, ma per i peccatori sette volte tanto: 9morte, sangue, contese, spada, disgrazie, fame, calamità, flagelli. 10Questi mali sono stati creati per gli empi, per loro causa venne anche il diluvio. 11Tutto quello che proviene dalla terra alla terra ritorna, quanto viene dalle acque rifluisce nel mare. 12Ogni corruzione e ogni ingiustizia sparirà, ma la fedeltà resterà per sempre. 13Le ricchezze degli ingiusti si prosciugheranno come un torrente, si disperderanno come tuono che echeggia durante l'uragano. 14Se gli ingiusti dovranno alzare le mani, ci si rallegrerà, così i trasgressori cadranno in rovina. 15La stirpe degli empi non moltiplica i suoi rami, le radici impure sono sopra una pietra dura. 16Il giunco su ogni corso d'acqua o sugli argini di un fiume viene tagliato prima di ogni altra erba. 17Un atto di bontà è come un giardino di benedizioni, l'elemosina dura per sempre. 18La vita di chi basta a se stesso e del lavoratore è dolce, ma più ancora lo è per chi trova un tesoro. 19I figli e la fondazione di una città consolidano un nome, ma più ancora è apprezzata una donna irreprensibile. 20Vino e musica rallegrano il cuore, ma più ancora l'amore della sapienza. 21Il flauto e l'arpa rendono piacevole il canto, ma più ancora una voce soave. 22L'occhio desidera grazia e bellezza, ma più ancora il verde dei campi. 23Il compagno e l'amico s'incontrano a tempo opportuno, ma più ancora moglie e marito. 24Fratelli e soccorritori aiutano nella tribolazione, ma più ancora l'elemosina. 25Oro e argento rendono sicuro il piede, ma più ancora è stimato un consiglio. 26Ricchezze e potenza sollevano il cuore, ma più ancora il timore del Signore. Con il timore del Signore non manca nulla, con esso non c'è bisogno di cercare un altro aiuto. 27Il timore del Signore è come un giardino di benedizioni e protegge più di qualsiasi gloria. 28Figlio, non vivere una vita da mendicante: è meglio morire piuttosto che mendicare. 29Un uomo che guarda alla tavola altrui ha una vita che non si può chiamare tale; si contaminerà con cibi estranei, l'uomo sapiente ed educato se ne guarderà. 30Il mendicare è dolce nella bocca dello sfrontato, ma dentro di lui c'è un fuoco che brucia.

Su questo capitolo abbiamo trovato
0 commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.