Siracide

Capitolo 4

1Figlio, non rifiutare al povero il necessario per la vita, non essere insensibile allo sguardo dei bisognosi. 2Non rattristare chi ha fame, non esasperare chi è in difficoltà. 3Non turbare un cuore già esasperato, non negare un dono al bisognoso. 4Non respingere la supplica del povero, non distogliere lo sguardo dall'indigente. 5Da chi ti chiede non distogliere lo sguardo, non dare a lui l'occasione di maledirti, 6perché se egli ti maledice nell'amarezza del cuore, il suo creatore ne esaudirà la preghiera. 7Fatti amare dalla comunità* e davanti a un grande abbassa il capo. 8Porgi il tuo orecchio al povero* e rendigli un saluto di pace con mitezza. 9Strappa l'oppresso dal potere dell'oppressore e non essere meschino quando giudichi. 10Sii come un padre per gli orfani, come un marito per la loro madre: sarai come un figlio dell'Altissimo, ed egli ti amerà più di tua madre. 11La sapienza esalta i suoi figli e si prende cura di quanti la cercano. 12Chi ama la sapienza ama la vita, chi la cerca di buon mattino sarà ricolmo di gioia. 13Chi la possiede erediterà la gloria; dovunque vada, il Signore lo benedirà. 14Chi la venera rende culto a Dio, che è il Santo, e il Signore ama coloro che la amano. 15Chi l'ascolta giudicherà le nazioni, chi le presta attenzione vivrà tranquillo. 16Chi confida in lei l'avrà in eredità, i suoi discendenti ne conserveranno il possesso. 17Dapprima lo condurrà per vie tortuose*, gli incuterà timore e paura, lo tormenterà con la sua disciplina, finché possa fidarsi di lui e lo abbia provato con i suoi decreti; 18ma poi lo ricondurrà su una via diritta e lo allieterà, gli manifesterà i propri segreti*. 19Se invece egli batte una falsa strada, lo lascerà andare e lo consegnerà alla sua rovina. 20Tieni conto del momento e guàrdati dal male, e non avere vergogna di te stesso. 21C'è una vergogna che porta al peccato e c'è una vergogna che porta gloria e grazia. 22Non usare riguardi a tuo danno* e non arrossire a tua rovina. 23Non astenerti dal parlare quando è necessario e non nascondere la tua sapienza per bellezza, 24poiché dalla parola si riconosce la sapienza e l'istruzione dai detti della lingua. 25Non contrastare la verità, ma arrossisci della tua ignoranza. 26Non vergognarti di confessare i tuoi peccati e non opporti alla corrente di un fiume. 27Non sottometterti a un uomo stolto, non essere parziale a favore di un potente. 28Lotta sino alla morte per la verità, il Signore Dio combatterà per te. 29Non essere arrogante nel tuo linguaggio, fiacco e indolente nelle opere. 30Non essere come un leone nella tua casa e capriccioso con i tuoi servi. 31La tua mano non sia tesa per prendere e poi chiusa nel restituire.

Su questo capitolo abbiamo trovato
0 commenti

Resta sempre aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list, riceverai gli ultimi commenti dei nostri autori direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Iscriviti

Verifica

Verifica di aver digitato correttamente il tuo indirizzo email, leggi e accetta la privacy policy, e premi sul pulsante "Invia" per completare l'iscrizione.

Invia

Annulla

Grazie!

La tua iscrizione è stata registrata correttamente.